I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. I cookie presenti in questo sito sono esclusivamente di tipo tecnico e non profilano in alcun modo il comportamento dell’utente. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Informativa Cookie.

Cos’è PrenatalSAFE® ?

PrenatalSAFE ® è un test PRENATALE NON INVASIVO per lo screening in gravidanza di anomalie cromosomiche fetali. Mediante tecnologie più all'avanguardia oggi disponibili, differenzia il DNA del bambino da quello della madre e ne studia quantitativamente il contenuto cromosomico. Se il DNA fetale rilevato è in linea rispetto a quanto atteso, è altamente probabile che non siano presenti le anomalie cromosomiche ricercate, In caso contrario è indicato il ricorso ad ulteriori approfondimenti.

SEMPLICE

E' richiesto un semplice prelievo ematico della gestante, dal quale si analizza il DNA fetale circolante.
Il test PrenatalSAFE® è eseguibile a partire dalla 10a settimana di gestazione (calcolo basato su data dell'ultima mestruazione).

SICURO

E' un test NON INVASIVO, per questo motivo il test  PrenatalSAFE® è del tutto sicuro per la gestante e per il feto. Vengono quindi azzerati i rischi di abortività presenti nelle tradizionali tecniche di diagnosi prenatale invasiva, come l’amniocentesi e la villocentesi.

RAPIDO

Risultati disponibili in circa 5-7 giorni lavorativi.

AFFIDABILE

Prenatal Safe garantisce un'accuratezza dei risultati > 99%, con  un'incidenza di falsi positivi < 0,1%.

PrenatalSAFE® : unico test eseguito in Italia, tecnologia Italiana
Come viene effettuato il test PrenatalSAFE®?

Il test viene eseguito mediante il prelievo di un campione ematico della gestante con un età gestazionale di almeno 10 settimane. Tramite un’analisi complessa di laboratorio, il DNA fetale libero circolante è isolato dalla componente plasmatica del sangue materno. Successivamente, attraverso un processo tecnologico avanzato di sequenziamento massivo parallelo (MPS) dell’intero genoma fetale, che impiega tecniche di Next Generation Sequencing (NGS), le sequenze cromosomiche del DNA fetale vengono quantificate mediante sofisticate analisi bioinformatiche, al fine di determinare la presenza di eventuali aneuploidie cromosomiche.

Chi può sottoporsi al test PrenatalSAFE®?

Tutte le donne in gravidanza  con un età gestazionale di almeno 10 settimane.
Il test può essere utilizzato anche in caso di:

  • gravidanze singole ottenute mediante concepimento naturale o con tecniche di fecondazione assistita, sia omologhe che eterologhe;
  • gravidanze gemellari ottenute mediante concepimento naturale o con tecniche di fecondazione assistita. In queste gravidanze non è ancora possibile eseguire il test per i cromosomi X e Y, ma solo per i cromosomi 13, 18, 21, Y.
  • precedenti gravidanze andate a termine;
  • precedenti gravidanze esitate in aborto spontaneo o seguite da interruzione volontaria di gravidanza.

PrenatalSAFE® : Accuratezza del test

L’esame, che si basa sulle più recenti evoluzioni dei test prenatali non invasivi, ha dimostrato un’attendibilità superiore al 99% nel rilevare la trisomia 21, la trisomia 18 e la trisomia 13, e del 95% per rilevare la Monosomia X, con percentuali di falsi positivi <0.1%.

In cosa PrenatalSAFE® : differisce da altri test prenatali non invasivi?

Il test PrenatalSAFE® è un esame diverso dai test di screening del primo e secondo trimestre. Questi sono test statistici indiretti che si basano su valutazioni di rischio a priori (età della paziente), riscontri ecografici sul feto e/o indagini biochimiche sul sangue materno. L’insieme di questi dati produce una percentuale di rischio di aneuploidia fetale.
Il test PrenatalSAFE®, invece, è un analisi diretta del DNA fetale circolante. Misura, con grande accuratezza, la quantità relativa di DNA fetale dei cromosomi 13, 18, 21, X e Y, per rilevare l’eventuale presenza trisomie e aneuploidie fetali.
I test di screening del primo trimestre, a differenza di PrenatalSAFE®, hanno una percentuale di falsi positivi fino al 5% e non rilevano il 5-15% dei casi di trisomia 21 (falsi negativi).
Con il test PrenatalSAFE®, grazie alla bassa incidenza di falsi positivi e negativi, si riduce significativamente il rischio che una gestante venga indirizzata a sottoporsi ad un approfondimento diagnostico invasivo non necessario.

PrenatalSAFE® : vantaggi rispetto ad altri test di analisi del DNA fetale da sangue materno

PrenatalSAFE® utilizza la tecnologia avanzata di sequenziamento massivo parallelo (MPS) dell’intero genoma umano, a differenza di altri test disponibili in commercio che invece impiegano una strategia diagnostica mirata, in cui il processo è limitato ai soli cromosomi 21, 18, 13, X e Y.
I vantaggi prodotti dalla nuova tecnologia sono considerevoli:

  • Analisi dell’intero genoma, invece che sequenziamento mirato;
  • Sensibilità più elevata, con conseguente riduzione dell’incidenza dei falsi negativi (<1%);
  • Maggiore affidabilità dei risultati, con conseguente aumento del detection rate (>99%) e riduzione dell’incidenza dei falsi positivi (<0.1%);
  • Impiego di un algoritmo di analisi bioinformatica di ultima generazione che valuta i dati reali (quantitativi) derivanti dall’analisi di sequenziamento, senza associarli a valutazioni di rischio a priori (es. età della paziente) o all’età gestazionale o al peso della paziente.
  • Risultati dell’esame forniti in termini chiari e definiti, come POSITIVO o NEGATIVO, cioè presenza/assenza di aneuploidia; cromosomica, e non più in termini di percentuale di rischio (alto/basso rischio) come avviene per i test di screening del 1^ e 2^ trimestre;
  • Test eseguibile anche in gravidanze ottenute con tecniche di fecondazione assistita (omologa o eterologa);
  • Tempi di refertazione ridotti (~5-7 gg. lavorativi);
  • Bassa incidenza di ripetizioni dell’analisi: la maggiore sensibilità diagnostica permetterà di ottenere dei risultati affidabili anche a basse concentrazioni di DNA fetale;
  • Minore quantità di sangue richiesta per l’esame (8 ml in un'unica provetta).


In collaborazione con:

 

Salva

Il 55% della popolazione mondiale è intollerante al lattosio. L'intolleranza al lattosio è l'incapacità di digerire lo zucchero del latte ed è causata dal deficit della lattasi, enzima responsabile della scissione del lattosio in due zuccheri semplici: galattosio e glucosio. Da bambini l’enzima lattasi lo rende digeribile dividendolo in due zuccheri semplici;con la crescita  si assiste ad una progressiva riduzione dell’enzima fino ad arrivare alla totale carenza.

L’intolleranza al lattosio, la più comune intolleranza enzimatica (ne soffre circa il 70% della popolazione mondiale), è quindi l’incapacità di digerire lo zucchero del latte.

Prima di essere utilizzato dall'organismo infatti  il lattosio deve essere  scisso in glucosio e galattosio dall’enzima lattasi; al contrario un deficit di questo enzima fa sì che il lattosio non idrolizzato non potendo essere digerito raggiunga il colon esercitando un effetto osmotico con conseguente  fermentazione batterica dello zucchero e formazione di acido lattico. L’intolleranza al lattosio può manifestarsi con nausea, gonfiore, flatulenza, stanchezza,cefalea, dolori articolari,manifestazione cutanee crampi addominali e diarrea. La sintomatologia è dose-dipendente: maggiore è la quantità di lattosio ingerita, più evidenti sono i sintomi.
 
Il 70% della popolazione mondiale adulta risulta intollerante al lattosio. Verifica in maniera semplice e definitiva se anche tu lo sei !!!!

Leggi tutto: Intolleranza al lattosio

Per Diagnosi Prenatale si intende l’insieme delle indagini, strumentali e di laboratorio, mediante le quali è possibile monitorare lo stato di salute e di benessere del feto durante il corso della gravidanza. L’impiego delle tecniche di diagnosi prenatale è volto ad identificare patologie che interessano il feto su base genetica, infettiva, iatrogena o ambientale.

Leggi tutto: La Diagnosi Prenatale

In caso Tu abbia bisogno di aiuto

*

Se hai qulache dubbio o domanda, il sito ed il nostro personale è a Tua completa disposizione per aiutarti.

 

Vuoi approfondire qualche argomento?

Nella colonna di destra trovi una sezione
"Link Utili" per approfondire i temi di maggiore interesse.

 

Vuoi maggiori informazioni?

Abbiamo una sezione dedicata alle informazioni utili.
Trovi i link nella colonna di destra alla voce "Info Utili"

 

Domande? Chiamaci!

Il nostro centralino è operativo
Al numero: 0721 805501
Mattino Lun-Sab: dalle 7:30 alle 13:00 
Pomeriggio Lun-Ven: dalle 16:00 alle 18:30 

 

Salva

Salva